L’Antitête

<<questo paradiso di cacciatori di vuoto e di immutabilità, padrona onnipotente del divieto di vivere altrove se non nelle grotte di ferro e della dolcezza di vivere senza mobilità, ciascuno nella propria persona lucifuga e ogni persona al riparo della terra, nel sangue fresco…

 

…era una prigione, formata da lunghe infanzie, il supplizio di giorni d’estate troppo belli>>

 

 

T.Tzara,  L’Antitête 

https://fr.wikisource.org/wiki/L%E2%80%99Antit%C3%AAte_de_Tristan_Tzara

Annunci